Salta al contenuto

BARBIE: UNA PROTAGONISTA DEL SECONDO NOVECENTO

26/09/2019
16:30 - 18:15

BARBIE: una protagonista del secondo Novecento a cura di Nicoletta Bazzano, Università degli Studi di Cagliari

Ore 16.30, Salone da Ballo

Cos’è oggi Barbie? Come è cambiata in oltre sessant’anni anni di storia la bambola più celebre di tutti i tempi? Cosa ha rappresentato per le generazioni passate e quanto ha influito sull’educazione delle giovani donne?

A queste e ad altre domande risponde Nicoletta Bazzano in occasione della conferenza Barbie. Una protagonista del secondo Novecento che si svolge giovedì 26 settembre 2019, alle ore 16.30, presso il Salone da Ballo del Palazzo Reale di Genova, nell’ambito della mostra BAMBOLE. Storie di una passione senza tempo, attualmente in corso a Palazzo Reale.
Docente di Storia moderna presso l’Università degli Studi di Cagliari, Nicoletta Bazzano si è occupata di storia politica, istituzionale e culturale dell’Italia sotto la dominazione spagnola nel Cinquecento e nel Seicento, con particolare attenzione alla Sicilia, oltreché di simbologia politica, sviluppando una ricerca sull’allegoria femminile dell’Italia dall’antichità ai nostri giorni. Ha inoltre approfondito il rapporto tra scrittura storiografica e scrittura letteraria, studiando il caso della produzione narrativa sarda di argomento storico. Accanto a temi di storia moderna, ha affrontato aspetti di storia del costume del Novecento, soffermandosi sui modelli sociali femminili.
Alla bambola più famosa ha dedicato la monografia La donna perfetta. Storia di Barbie, edita da Laterza nel 2008 e quanto mai attuale nell’anno in cui Barbie ha spento sessanta candeline e la sua fama ha ormai raggiunto ogni parte del pianeta. Dal 1959 ad oggi la Mattel ha infatti prodotto quasi un miliardo di esemplari. Corredata di abitini alla moda, Barbie ha assunto una missione ben precisa: accompagnare le bambine verso l’età adulta proponendo un modello “perfetto” di femminilità.

Ingresso libero fino ad esaurimento posti; i partecipanti potranno ritirare un biglietto di ingresso alla mostra al prezzo ridotto di € 2,00.