Salta al contenuto

Clorinda salva Olindo e Sofronia

Dettagli

Luca Giordano (Napoli 1634 – 1705)
Lotta fra Perseo e Fineo
Clorinda salva Olindo e Sofronia (immagine)

olio su tela,1680 circa
Sala del Trono

I due magniloquenti dipinti, già parte della collezione Durazzo, costituirono per decenni ragione di attrazione per la grande dimora genovese da parte di artisti e viaggiatori colti. Le due tele, eseguite attorno al 1680, appaiono influenzate dalla pittura di Paolo Veronese che il Giordano ebbe modo di apprezzare durante un soggiorno a Venezia. Nel corso del XVIII secolo erano incastonate nelle pareti della sala, allora detta del Giordano, ornate da una ricca decorazione in stucco. Nel momento in cui l’ambiente fu adibito a Sala del Trono dai Savoia furono invece inserite nelle due sontuose cornici lignee che tuttora le caratterizzano. La prima opera, imponente composizione ricca di invenzioni scenografiche e di effetti teatrali, ripropone il combattimento di Perseo contro Fineo, storia tra le più note della cultura classica. La seconda mette in scena l’episodio di apertura del secondo canto della Gerusalemme liberata di Torquato Tasso, poeta del Cinquecento e uno dei maggiori di tutta la letteratura italiana.

  • Luca Giordano
  • olio su tela, 1680 circa
  • olio su tela
  • Sala del Trono